biografia

Il progetto The Magik Way nacque nell’inverno del 1996 per mano di Nequam, Diabolic Obsession e Old Necromancer come tentativo di soddisfacimento di un’esigenza viscerale: quella di organizzare un vero e proprio Ordine (L’Ordine della Terra), una sorta di gruppo/massa critica, fortemente influenzato da nuove concezioni sia in termini artistici sia per l’evolversi di studi esoterici che richiedevano un ampliamento e un approfondimento. In termini strettamente musicali nasceva nei membri di questo inedito corpus la necessità di “vestire” i nuovi testi non solo attraverso l’uso di cliché compositivi già assimilati (quelli del Black-Doom-Dark) ma attraverso l’esplorazione di territori più marcatamente sperimentali. Aprirsi al mondo della teatralità, della performance, della video-arte ha rappresentato per The Magik Way l’acquisizione di una visione molto ampia in termini compositivi e concettuali e questo ha comportato una repentina evoluzione del proprio “suono” fin dai primi anni di vita del progetto. Ruolo fondamentale per la riuscita di questa evoluzione lo ha rivestito Azàch, quarta entità intervenuta per completare la band, elemento essenziale per l’esplorazione di nuovi linguaggi e ad oggi spalla e alter-ego di Nequam, principale autore. A lui si deve l’introduzione di certi studi legati all’Alchimia e all’Anatomia e una emancipazione più piena riguardo quelli che sono i molteplici aspetti del progetto, negli anni impegnato non solo musicalmente ma anche nell’ambito della video performance, della video-arte, della pittura, del teatro.
The Magik Way fu fin da subito concepito come un ordine esoterico concentrato principalmente sullo studio dell’Uomo e della Natura, di matrice atea, apolitica e scevro di qualsivoglia dogma, dove le pratiche esoteriche vengono analizzate e praticate tutt’oggi attraverso un approccio scientifico e collocabile nell’alveo della Neo-Magia. Ancora oggi dopo 19 anni l’ordine raccoglie adesioni da parte di varie figure per lo più non facenti parte del mondo della musica, mentre il progetto musicale si è protratto fino ad ora anche se lontano dalle ribalte discografiche, ma collocandosi naturalmente in un ambito molto di nicchia. Solo recentemente, sotto la spinta di Marco Cavallini (produttore esecutivo della band), The Magik Way si affaccia nuovamente al mondo della discografia, sebbene ponendo alcuni veti, primo tra i quali il desiderio di non eseguire concerti, se non in contesti studiati ad hoc alla stregua di happening ai quali partecipa una selezionatissima audience.

————————————————————–

The Magik Way’s project was born in the winter of 1996 by the will of Nequam, Diabolic Obsession and Old Necromancer as an attempt to gave an answer to a desire: to organize a real Order (The Order of the Earth), a kind of group / critical mass, strongly influenced by new concepts both in artistic terms and for the evolution of esoteric studies that required a broadening and deepening. In strictly musical terms arose in the members of this unprecedented corpus the need to “interpretate” the new texts not only through the use of an assimilated cliché (those of Black-Doom-Dark) but through the exploration of territories more experimental . Opening to the world of theatricality, performance, video art has represented for The Magik Way acquiring a very broad in terms of composition and conceptual, and this has led to a sudden evolution of its “sound” from the very first years of life of the project. Key role in the success of this evolution has covered Azàch, fourth entity stepped in to complete the band, an essential element for the exploration of new languages and natural alter-ego of Nequam, principal author of music and lyrics. He was responsible for the introduction of certain studies related to Alchemy and Anatomy and full emancipation more about what are the various aspects of the project, over the years engaged not only musically but also in the video performance, the video-art, painting, theater. The Magik Way was immediately seen as an esoteric order focused mainly on the study of Mankind and Nature, through atheism, non-political and free from any dogma, where esoteric practices are analyzed and practiced today through a scientific approach and placed in the flow of Neo-Magic. Even today, after 19 years the order collects accessions by various figures mostly far from the music world, while the musical project has lasted until now although far from the music business, but placing itself naturally within a very niche. Only recently, at the urging of Marco Cavallini (executive producer of the band), The Magik Way looks back to the music business, although placing some vetoes, first among them the desire not to perform concerts, except in contexts studied ad hoc, as an happening in which it participates a selected audience.